Blog: http://Nathan2000.ilcannocchiale.it

RIVOLUZIONI FARLOCCHE.

Vado sul sito dell'agenzia delle entrate per verificare questa "FANTASMAGORICA" innovazione nel campo delle dichiarazioni dei redditi che va sotto il nome di Modello 730 precompilato più spinto dalla curiosità per l'ennesimo annuncio di questo sedicente Governo del Fare (che, più passa il tempo, e più assomiglia ad un Governo di "Fatti") che non da altre motivazioni. Ed ecco che subito capisco che l'ennesima fregatura (voglio mantenermi nei limiti della decenza) è stata servita in tavola agli italiani contribuenti. Ho "fotografato" la pagina relativa al tema in questione:




Alla lettura, attenta, di ciò che viene riportato sul sito dell'Agenzia delle Entrate, subito si rivela "l'arcano": questo benedetto modello 730 precompilato, posso presentarlo così com'è, senza apportarvi modifiche, e allora tutto mi andrà bene, perché non sarà effettuato alcun controllo sulla mia dichiarazione. Qualora io, invece, volessi portare delle modifiche, che so?, spese mediche, spese deducibili per prodotti assicurativi, spese sostenute per la ristrutturazione della mia abitazione (anche queste scaricabili al 50 %) o per l'efficientamento energetico (scaricabili al 65 %) e chi più ne ha, più ne metta, sarei sotto la spada di Damocle del controllo. Ora, premesso che è da quando sono contribuente che l'Agenzia delle Entrate ha deciso di controllare il mio "Modello Unico" (quando ero libero professionista) e 730 (da quando sono diventato dipendente pubblico), questa storia mi suona come una velata minaccia a lasciare "il mondo come sta". Viviamo in un sistema Paese che, dal punto di vista erariale, parte dalla presunzione di colpevolezza del cittadino contribuente, che dovrà farsi carico dell'onere della prova a sua discolpa... e come se non bastasse, si rende il tutto ancora più insopportabile con velate minacce.
Sono da sempre uno che osteggia e osteggerà il sedicente Presidente del Consiglio (che non nomino perché mi irrita finanche il suo nome), perché lo ritengo un venditore di fumo, un treccartaro. Uno che fanfaroneggia di rivoluzioni digitali e rivoluzioni in generale, di rottamazioni e di interessi degli italiani e che, alla fine, si scopre quello che ho appena detto; un treccartaro. Comunque sappia, il costui e coloro che hanno avuto la bella pensata di questo 730 precompilato, che il sottoscritto non farà condoni fiscali a chi si succhia fino all'ultima goccia di sangue dai cittadini. Modificherò la dichiarazione perché ho speso dei soldi dal dentista, da medici specialisti, per assicurazioni e via di questo passo. E non ho nessuna intenzione di recedere da questa mia decisione. Purtroppo, però, già so che in tanti, letta la velata minaccia, si porranno qualche dubbio e, magari, decideranno, per quieto vivere, di "condonare" al fisco ciò che, per diritto andrebbe loro restituito. Spero che non siano in tanti, perché, a dire il vero, io sono stufo delle Rivoluzioni Farlocche... e spero che, come me, lo siano altri milioni di italiani che certa cialtronaggine prestata alla politica ha ridotto in miseria.

Pubblicato il 9/4/2015 alle 20.51 nella rubrica Diritti Vari.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web