Blog: http://Nathan2000.ilcannocchiale.it

UNA IDEA PER SABOTARE LE ELEZIONI (IN MANIERA LEGITTIMA)!

 Un po’ di manie di grandezza…. oggi mi sento un pochino servizio pubblico! J

Andando a…. sfogliare la rete, mi sono imbattuto in uno dei siti che, di solito, catturano la mia attenzione: si tratta di Voglio Scendere tenuto dai buoni Corrias-Gomez-Travaglio. E proprio sul post in questione, ho trovato il commento del Sig. Massimiliano Monopoli che dà una dritta a tutti coloro che volessero esercitare un loro diritto non votando, ma non concedendo neppure, con la loro astensione, la possibilità di computare schede nulle o bianche per il premio di maggioranza finale alla lista che prenderà più voti. Riporto pari pari l’intervento, ringraziando (mai abbastanza) per l'ottimo servizio. Se vi pare una buona idea per sabotare le elezioni in modo da lasciare un chiaro messaggio ai nostri Politici, potremmo fare come segue:

METODO PER SABOTARE LE ELEZIONI:

Se votate scheda bianca o nulla perché non vi sentite rappresentati da nessun partito, in realtà, favorirete il partito con più voti. Infatti (vedere i REGOLAMENTI PER IL CALCOLO DEL PREMIO DI MAGGIORANZA) anche i voti bianchi o nulli entrano nel calcolo del premio di maggioranza, favorendo chi ha preso più voti.

ESISTE UN’ARMA LEGALE CONTRO QUESTA LEGGE INDECENTE E ANTIDEMOCRATICA!

Di seguito i riferimenti legali. Tutto si basa su un uso “puntiglioso” della legge.

Testo Unico delle Leggi Elettorali

D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 – Art. 104 – Par. 5.

5) Il segretario dell’Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000.

Illustro nei dettagli il sistema da usare:

  1. ANDARE A VOTARE, PRESENTARSI CON I DOCUMENTI E LA TESSERA ELETTORALE E FARSI VIDIMARE LA SCHEDA;
  2. ESERCITARE IL DIRITTO DI RIFIUTARE LA SCHEDA (DOPO VIDIMATA), DICENDO: “RIFIUTO LA SCHEDA PER PROTESTA E CHIEDO CHE SIA VERBALIZZATO”;
  3. PRETENDERE CHE VENGA VERBALIZZATO IL RIFIUTO DELLA SCHEDA;
  4. ESERCITARE IL PROPRIO DIRITTO DI METTERE A VERBALE UN COMMENTO CHE GIUSTIFICHI IL RIFIUTO (AD ESEMPIO “NESSUNO DEI POLITICI INSERITI NELLE LISTE MI RAPPRESENTA”)

Così facendo non voterete, ed eviterete che il voto nullo o bianco sia conteggiato come quota premio per il partito con più voti.

FATE GIRARE IL PIÙ POSSIBILE!!!!!

Questo il consiglio del Sig. Massimiliano Monopoli. Fermo restando che ognuno è libero di fare come vuole, ritengo che sia il modo migliore di lanciare un messaggio chiaro alla “Casta”. E di sparigliare le carte in tavola proprio nel momento che conta. Ho idea che, a meno di sorprese eclatanti dell’ultima ora, il sottoscritto si comporterà proprio in questo modo!

Pubblicato il 20/2/2008 alle 12.59 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web