.
Annunci online

  Nathan2000

"Da quando le persone corrotte si uniscono fra loro per costituire una forza, poi le persone oneste devono fare lo stesso". (Lev Nicolaevic Tolstoj)

 
Diario di bordo di chi spera di ritrovare la strada di casa
 


Indicazioni ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62.Il contenuto di questo blog non va considerato alla stregua di una testata giornalistica nè un prodotto editoriale e il suo curatore declina ogni responsabilità di qualsivoglia natura. Le notizie riportate provengono da altri siti sparsi per la rete, e dai normali organi d'informazione, (finanche da quelli mediaset). I testi vengono redatti da soggetto evidentemente incapace di intendere e di volere, prova ne sia il fatto che ha ostinatamente votato per il centro-sinistra (ma è meglio definirlo meno-destra). Il blog è attivo dal 17 gennaio 2008 (praticamente è iniziato con il carnevale e come scherzo vuole continuare ad esistere), non ha periodicità regolare ed è aggiornato secondo gli umori del suo curatore, la pazienza di sua moglie, la vitalità da pila alcalina di sua figlia e la gradazione alcolica delle bevande ingurgitate (avete notato che non ho accennato minimamente al lavoro? Beh, sono un impiegato pubblico che, per definizione, è un fannullone... quindi, il lavoro non mi riguarda; Viva Brunetta!!!). Va da sé che le responsabilità per i commenti sono di chi li inserisce. Si avverte che verranno cancellati, senza pietà alcuna, tutti quei commenti ritenuti offensivi per le persone. Verranno inoltre cancellate bestemmie, parole oscene, o che fanno riferimento alla pratica sessuale. Non saranno tollerati riferimenti espliciti o velati alla discriminazione di qualsivoglia natura (sessuale, razziale, politica, religiosa ecc.) Per concludere, le foto riportate nei post sono, per lo più, provenienti da internet (indicandone la provenienza). Qualora gli autori non autorizzassero la pubblicazione, possono comunicare tale intenzione e l'autore del blog provvederà a rimuovere le immagini come da richiesta. Buona lettura a tutti.

I BLOG CHE SEGUO

(Che siano lucani o di altre parti del mondo, sono quelli che preferisco)

ALICESTAFUORI

AMBIENTE BASILICATA (OLA)

anami

 animafragile

ANNA RUSSELLI

ARTARIE
ASTRONIK
betazedgirl

CAFFÈ SCORRETTO
COMITATO NO OIL POTENZA

DIARIO ESTEMPORANEO
elepuntallaluna

GARBO
gogobub

GOTHAMPOTENZA
jericho

IL CAF
IO TOCCO
I 400 COLPI (LU)
KALISPERA

LADYMARICA

lafatamab

LEONARDO
LUCKYSTAR

MANU  

MARATONETAGIO
MARIAPINA CIANCIO
MARTENOT-NEON

MAURIZIO BOLOGNETTI
NOICITTADINILUCANI
NONHOANCORADECISO

 OCCHIODELCICLONE

PAOLETTA82

PAOLO BORRELLO
PIETRO DOMMARCO
PINO SURIANO

ROSASPINA

SAXER

SAXERBLOG

SBLOGGATA
SERGIO RAGONE
SETTECINQUE   

sheisnotme

svegliaitalia


27 aprile 2013

sentimenti PENSIERI SPARSI E OCCASIONALI.

Ma essere per l'abolizione di qualunque forma di finanziamento pubblico ai partiti... sarà pure questa una forma di "privatizzazione" della politica? (25-04-2013)

Non ho bisogno di giurare sulla bibbia il fatto che io abbia sempre considerato il lavoro dei magistrati come un qualcosa che andava portato fino in fondo... leggo di persone che amano consolarsi delle inchieste in corso in Regione pensando al fatto che Al Capone fu incastrato per un crimine "minore", come l'evasione fiscale... vorrei far presente a chi fa questi paragoni, che è vero che il criminale Capone venne assicurato alla giustizia! Ma il problema criminalità non fu risolto!!! Oggi, se anche venisse provato che i politici che hanno governato (o fatto opposizione) in Basilicata risultassero colpevoli di aver abusato dei rimborsi spese... avremmo risolto il problema della mala politica? A scanso di equivoci, ribadisco che sono dalla parte del lavoro dei magistrati. (26-04-1013)

Sono praticamente (o "pressocché") stufo del fatto che ci debba essere sempre un capopopolo per un gregge. (26-04-2013)


Che per poter cambiare le cose, è necessario che cominciamo a cambiare partendo da noi stessi. Gli "altri", non sono l'alibi giusto. (27-04-2013)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. facebook

permalink | inviato da Nathan 2000 il 27/4/2013 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 aprile 2013

POLITICA CHI NON E' SENZA PECCATO....

Dobbiamo pensare a una società in cui il divario tra chi ha e chi non ha sia ridotto, nella quale esista il senso di un destino comune, un impegno condiviso a estendere opportunità ed equità”, scrive Joseph Stiglitz. Ma non è il punto di partenza, a mio avviso. Questo deve diventare il punto di arrivo di un nuovo modo di concepire la gestione della cosa pubblica (e, quindi, anche il danaro pubblico). Vent’anni di Berlusconismo hanno fatto sfracelli. Perché è una visione del paese tutta particolare, quella di un ricco signore il cui assillo-timore era (ed è tuttora) quello di vedersi “espropriato” il patrimonio da politiche di equità sociale che sono, per lui, come una fastidiosa malattia di cui trovare subito il rimedio. Tanto lavoro fatto da paladini del liberismo (vedi le due buonanime Thatcher e Reagan), rischia sempre di essere vanificato dalle velleità dei paladini della giustizia sociale e della difesa dei più deboli. Ma il male del berlusconismo non è soltanto questo: il male del berlusconismo è stato quello di portare il discorso politico all’estrema esemplificazione del messaggio ad impatto e dello slogan. Anni di questo lavoro hanno portato la stragrande maggioranza dei cittadini italiani a non voler trovare il tempo di approfondire i temi e le discussioni. Una sorta di “pigrizia indotta”, finalizzata allo scopo di creare un “popolo di tele votanti”, piuttosto che un “popolo di cittadini” (con tutto il disprezzo mio personale per una parola priva di significato come “popolo”). Questo male si è insinuato anche in quelle forze politiche che avevano fatto dell’approfondimento il loro cavallo di battaglia (vedi i partiti tradizionali, nessuno escluso). Ed anche quando questi partiti tradizionali si sono “evoluti” (o involuti, come si preferisce) in altre forme ed altri simboli, all’inizio tendevano a conservare questo modo di porre i problemi. Poi, il passare del tempo ha fatto sì che la “degenerazione” del messaggio politico prendesse piede. Il continuare a vedere la “comunicatività” di Berlusconi come una specie di metodo infallibile per raggranellare consenso, ha fatto sì che il tutto si spostasse verso forme di comunicazione del messaggio sempre più povere di contenuti (e programmi) e sempre più piene di frasi ad effetto e slogans immediatamente percettibili dall’opinione pubblica. Il risultato? E’ sotto gli occhi di tutti!!! Un depauperamento della Politica, e del suo scopo primario (quello della progettazione del bene collettivo)… per lasciare spazio solo ad una corsa all’accaparramento del consenso (con tutti i mezzi possibili) per assicurarsi le posizioni di potere o le rendite di posizione. Va da sé che se uno è maestro di certa comunicazione, gli altri che provano ad imitarlo, ne usciranno sempre perdenti. Ed è esattamente ciò che è avvenuto. Il Cavaliere è stato Re incontrastato di quest’ultimo ventennio, forte anche del fatto che gli altri, invece di presentare agli elettori-cittadini delle alternative credibili, hanno soltanto cercato di scimmiottare la comunicatività di Berlusconi senza avere nessuna possibilità di vittoria… causa l’assenza di proposte alternative.

Ma il discorso è ancora più complesso, dal mio punto di vista. Si è sempre accusata la sinistra di procedere lungo il cammino della presunta “superiorità morale” rispetto agli avversari. Ed anche qui, l’abilità di Berlusconi è stata grande: Accusare i suoi avversari di ritenersi superiori, ma lasciando passare il messaggio della sua, di superiorità. Molto poco evidente, ma devastante, questa cosa. Perché attaccare la autoreferenzialità della sinistra italiana (ed anche la autoreferenzialità di tutte le altre forze politiche a lui avverse) non ha fatto altro che sottolineare la sua presunta superiorità ed autoreferenzialità. E se il cittadino non è cascato (giustamente, a mio avviso) nella trappola di questa presunta superiorità della sinistra, ha abboccato alla grande quando si è trattato di credere alla “velata” ipotesi di superiorità del centrodestra guidato da Lui!!!

Insomma, come mi è capitato di scrivere su Facebook in questi ultimi giorni, ci siamo mossi, in questo ultimo ventennio, come segue:

Forse il problema italiano sta tutto nel fatto che qualunque gruppo (o classe, o "famiglia", chiamatela come meglio vi aggrada) è portato a pensare di avere, rispetto a tutti gli altri, una patente di superiorità. E questo vale a tutto tondo!!!
Una specie di collettivo "Io so' io... e voi non siete 'n cazzo"...
Del resto, in questo paese il "dogma" più evidente è sempre stato il "Ca' nisciuno è fesso"... lasciando intendere che il "nisciuno" sia riferito solo ed esclusivamente a chi sta enunciando questo assioma...

E in questo collettivo delirio, ci metto anche gli ultimi arrivati. Perché, a ben guardare le reazioni e le esternazioni dei cosiddetti “Grillini”, la sindrome del “Migliore” è una malattia che ha attaccato anche loro.

Quale la strada da percorrere per pensare, poi, di poter ottenere ciò che Stiglitz auspica? Riporto, ancora una volta, una mia riflessione:

 

Ho trascorso gli ultimi vent'anni senza accorgermi che la politica s'era trasformata da espressione alta di progetti per il bene comune a volgare rissa da Saloon del vecchio west. Tutti (nessuno escluso) a scagliarsi verso gli "obbrobri" altrui (o, peggio, contro l'inutilità altrui), e nessuno a guardare quanto fossero infangate le scarpe del proprio tragitto (fango è un attimo di autocensura).
Oggi abbiamo avuto, mi auguro, l'epilogo di tutta 'sta storia. Da ora, prima di guardare la merda sotto la suola altrui, guarderò attentamente le mie di suole.

 

Ecco, il mio futuro è questo: guardare le mie scarpe, ogni giorno, e valutare quanto siano sporche di fango (o di merda) prima di dire che le scarpe altrui lo siano più delle mie. E se non sarà questo il nuovo spirito – di tutti, senza esclusione – difficilmente si potrà pensare ad una via di salvezza per questo paese. La solita vecchia storia della pagliuzza e della trave. Chi non è senza peccato… sposti la trave dal suo occhio!!!!



19 aprile 2013

SOCIETA' ESSERI SUPERIORI.

Forse il problema italiano sta tutto nel fatto che qualunque gruppo (o classe, o "famiglia", chiamatela come meglio vi aggrada) è portato a pensare di avere, rispetto a tutti gli altri, una patente di superiorità. E questo vale a tutto tondo!!!
Una specie di collettivo "Io so' io... e voi non siete 'n cazzo"...
Del resto, in questo paese il "dogma" più evidente è sempre stato il "Ca' nisciuno è fesso"... lasciando intendere che il "nisciuno" sia riferito solo ed esclusivamente a chi sta enunciando questo assioma...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. facebook

permalink | inviato da Nathan 2000 il 19/4/2013 alle 17:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo        maggio
 

 rubriche

Diario
opinioni politiche
Cultura
Divagazioni sportive
questioni etiche
elezioni
Giustizia e legalità
Città di Potenza
divagazioni economico-finanziarie
Diritti Vari
Potere
Energia
ambiente
Da Facebook
Comunità
Le perle di Nathan
versi

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ANNA FUBINI (aiuto infanzia)
ANTONIO DI PIETRO
ANTONIO PANNULLO
ARCOIRIS TV
BASILICATANET
BENNY CALASANZIO
BEPPE GRILLO
CARLO LUCARELLI
CARLO VULPIO
COME DON CHISCIOTTE
CORRIERE DELLA SERA
DISINFORMAZIONE
ECODIXIT
EDIZIONI BONELLI
ESPRESSO-REPUBBLICA
FABIO PISELLI
FERRUCCIO PINOTTI
GIANNI MINA'
GIOACCHINO GENCHI
GIULIETTO CHIESA
IL CONSIGLIO (dell'Abate Vella)
IL QUOTIDIANO
MASSIMO FINI
MEGACHIP
NEXUS ITALIA
OLIVIERO BEHA
PAOLO FRANCESCHETTI
REGISTRO PERSONALE
REPUBBLICA
SALVATORE BORSELLINO
S@SSI E-MIGRANTI
SCIENZA MARCIA
SIGNORAGGIO.COM
SONIA ALFANO
VOGLIO SCENDERE
WATTY

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom