.
Annunci online

  Nathan2000

"Da quando le persone corrotte si uniscono fra loro per costituire una forza, poi le persone oneste devono fare lo stesso". (Lev Nicolaevic Tolstoj)

 
Diario di bordo di chi spera di ritrovare la strada di casa
 


Indicazioni ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62.Il contenuto di questo blog non va considerato alla stregua di una testata giornalistica nè un prodotto editoriale e il suo curatore declina ogni responsabilità di qualsivoglia natura. Le notizie riportate provengono da altri siti sparsi per la rete, e dai normali organi d'informazione, (finanche da quelli mediaset). I testi vengono redatti da soggetto evidentemente incapace di intendere e di volere, prova ne sia il fatto che ha ostinatamente votato per il centro-sinistra (ma è meglio definirlo meno-destra). Il blog è attivo dal 17 gennaio 2008 (praticamente è iniziato con il carnevale e come scherzo vuole continuare ad esistere), non ha periodicità regolare ed è aggiornato secondo gli umori del suo curatore, la pazienza di sua moglie, la vitalità da pila alcalina di sua figlia e la gradazione alcolica delle bevande ingurgitate (avete notato che non ho accennato minimamente al lavoro? Beh, sono un impiegato pubblico che, per definizione, è un fannullone... quindi, il lavoro non mi riguarda; Viva Brunetta!!!). Va da sé che le responsabilità per i commenti sono di chi li inserisce. Si avverte che verranno cancellati, senza pietà alcuna, tutti quei commenti ritenuti offensivi per le persone. Verranno inoltre cancellate bestemmie, parole oscene, o che fanno riferimento alla pratica sessuale. Non saranno tollerati riferimenti espliciti o velati alla discriminazione di qualsivoglia natura (sessuale, razziale, politica, religiosa ecc.) Per concludere, le foto riportate nei post sono, per lo più, provenienti da internet (indicandone la provenienza). Qualora gli autori non autorizzassero la pubblicazione, possono comunicare tale intenzione e l'autore del blog provvederà a rimuovere le immagini come da richiesta. Buona lettura a tutti.

I BLOG CHE SEGUO

(Che siano lucani o di altre parti del mondo, sono quelli che preferisco)

ALICESTAFUORI

AMBIENTE BASILICATA (OLA)

anami

 animafragile

ANNA RUSSELLI

ARTARIE
ASTRONIK
betazedgirl

CAFFÈ SCORRETTO
COMITATO NO OIL POTENZA

DIARIO ESTEMPORANEO
elepuntallaluna

GARBO
gogobub

GOTHAMPOTENZA
jericho

IL CAF
IO TOCCO
I 400 COLPI (LU)
KALISPERA

LADYMARICA

lafatamab

LEONARDO
LUCKYSTAR

MANU  

MARATONETAGIO
MARIAPINA CIANCIO
MARTENOT-NEON

MAURIZIO BOLOGNETTI
NOICITTADINILUCANI
NONHOANCORADECISO

 OCCHIODELCICLONE

PAOLETTA82

PAOLO BORRELLO
PIETRO DOMMARCO
PINO SURIANO

ROSASPINA

SAXER

SAXERBLOG

SBLOGGATA
SERGIO RAGONE
SETTECINQUE   

sheisnotme

svegliaitalia


29 ottobre 2012

PROBLEMA INTELLIGENZA.

Comincio a pensare che il "problema intelligenza" sia più serio di quanto si pensi: anche l'intelligenza deve essere trattata come una grandezza fisica... e, alla luce di questa considerazione, bisogna associarla sempre al sistema di riferimento che si intende usare.  Questo il pensiero che ho postato su Facebook qualche quarto d'ora fa. Stare a domandarsi se usare l'intelligenza sia appannaggio di pochi o sia nelle possibilità di tutti...  è un'attività che, talvolta mi prende. Soprattutto se, alla fine, ti poni il problema di ridurre l'utilizzo (o usufrutto, che mi pare più consono alla questione) del bene intelletto ad un problema assimilabile ad un fenomeno quasi "Fisico" (nel senso di Scienza dei fenomeni fisici). E certo, guardare su FB i pensieri che vengono postati da altri, magari andare a commentare per dire la tua (ovviamente senza intermediazioni di sorta... semplicemente l'idea che ti sei fatta tu, elaborando le informazioni di cui sei venuto in possesso solo mediante l'utilizzo della materia grigia contenuta nella tua scatola cranica), e vedere che, dall'altra parte, il tuo pensiero viene perlomeno travisato, nel senso che viene attribuito al tuo pensiero qualcosa che, magari, sa di retropensiero... lo so, sto cominciando ad "aggrovigliare" i concetti. Provo a spiegarmi meglio. Se una persona esprime un'opinione, una propria idea pubblicamente, si presuppone che, magari si abbia il desiderio che a questa tua idea, qualcuno possa contribuire con un commento in cui si riporta le opinioni scaturite alla lettura del post in questione. E, anche se chi ha postato il pensiero continua a cercare di portare il discorso verso una ben precisa direzione, tu provi, invece, a portare la discussione su binari che possano perlomeno essere equisistanti da posizioni sia ideologiche, sia di retropensiero. In altre parole, se un dato accadimento viene classificato come "Nero" non tenendo conto anche di altre variabili, tu cerchi di dire che l'accadimento può essere classificato come "Grigio" perché non è solo da una parte che vanno considerati i fatti, ma bisogna prendere tutte le informazioni possibili per cercare di farsi un'idea più generale di un singolo accadimento. Il gioco dura per due o tre commenti, e alla fine ci si sente dire che si vuol passare per più intelligenti degli altri, e che, invece, il problema è molto più semplice. A quel punto, direi, cominci a pensare che anche l'intelligenza sia una grandezza fisica che ha bisogno di essere inquadrata nel giusto sistema di riferimento (chissà se per l'intelligenza si può parlare di sistemi di riferimento inerziali...?). Ecco, questo è il problema che mi sono posto oggi. Chissà se può interessare a qualcuno. Finora, su Facebook, non ha ancora commentato nessuno.

P.S. Ho scritto tutto di getto. Non ho voglia di correggere refusi o consecutio temporum... pertanto chiedo, preventivamente, scusa per qualunque strafalcione sia potuto partire scrivendo questo post. Grazie!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. intelligenza facebook commenti

permalink | inviato da Nathan 2000 il 29/10/2012 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


27 ottobre 2012

SOCIETA' SAREBBE ORA...

Sarebbe ora che la piantassimo di stare a fare le solite menàte... se si vuole che qualcosa migliori, in questo paese e nel mondo, è necessario che nella pubblica amministrazione e nella politica vi siano più persone oneste e perbene. Pertanto, basta blaterare!!! Le persone oneste e perbene si mettano in gioco, ci mettano la faccia e scendano in politica attiva. Altrimenti, avremo sempre il capétto di turno, ad ammaliare le folle di malpancisti.
In caso contrario, fatemi la cortesia di tacere... che è anche colpa di chi si vuol chiamare fuori, se siamo come (e dove) siamo.




permalink | inviato da Nathan 2000 il 27/10/2012 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 ottobre 2012

IL RITORNO DELLA "CARD".

A volte ritornano. E il Consiglio di Stato ha stabilito che Ritorno sia!!! Ovviamente, parliamo del ritorno del Bonus idrocarburi… quello che sembrava andato a ramengo dopo che la Regione Veneto aveva fatto ricorso al TAR. Ora, invece, gonfi di orgoglio e soddisfazione, ci capita di vedere i “pezzi grossi” del Pdl lucano fare la loro sfilata al Tgr per cantare vittoria. Non solo… Capita di vedere l’Onorevole Viceconte, con fierezza, stare a ribadire che quello del bonus idrocarburi è una conquista grandissima per la nostra regione - se conquista grandissima si può definire la possibilità di fare due o tre pieni di carburante ai soli patentati di questa regione che hanno fatto richiesta della card… circa 140 euro, insomma – ma che sono in itinere altre iniziative, da parte dei parlamentari del Pdl, per far sì che le estrazioni petrolifere possano, finalmente, essere un’occasione di sviluppo e ricchezza (dopo tantissimi anni) per la nostra regione. Come? Beh, semplicemente appellandosi al Memorandum sottoscritto da Regione e compagnie, in virtù del quale ad un aumento delle estrazioni deve corrispondere una contropartita cospicua (si dice) di investimenti in infrastrutture e sviluppo. Magari il termine infrastrutture possiamo anche immaginare cosa possa essere… quanto al famigerato “Sviluppo”, non abbiamo idea di dove si voglia andare a parare, dal momento che da nessuna parte si riesce a sapere di qualche progetto o programma in itinere da parte delle forze politiche. Ecco, questo è quanto. Ma la domanda che alcuni di noi si pongono è la seguente: Quanti sanno il perché del ricorso della Regione Veneto al Tar? Semplice: La legge 99/2009, nel suo art. 45, aumenta l’aliquota di Royalties di tre punti percentuali; tale legge, inoltre, prevede che il tutto vada a finire in un fondo di compensazione per i “disagi” delle regioni in cui si estrae greggio ma, udite udite, anche di quelle regioni nelle quali vi è la presenza di rigassificatori. Altra domanda che nasce spontanea: cosa c’entrano i rigassificatori con le royalties di estrazione? Eh, la risposta c’è: si tratta di un “dettaglio” che è stato aggiunto, in maniera quasi furtiva, dalla Lega Nord che, notoriamente, si batte per non far perdere occasioni di ricchezza al già ricco nord e che, guarda caso, era alleata del Pdl nello scorso governo. Ma queste cose le dicevamo già all’epoca, quando in piena campagna elettorale per le Provinciali e per le Comunali, il Pdl strombazzava ai quattro venti  che la battaglia per la diminuzione del prezzo alla pompa sarebbe stata prioritaria!!! Sapevamo già che ci sarebbero toccati una cinquantina di milioni, e che con una cifra del genere uno sconto alla pompa sarebbe stata impresa velleitaria. E che parte di quei 50 milioni sarebbero toccati anche ad altre regioni. Poi, abbiamo visto com’è finita: Vantaggi minimi e solo per chi è patentato. Come se gli altri corregionali, quelli che non hanno permesso di guida, fossero cittadini di serie minore!!! Ed ora? Ora si aspetta che si tenga fede ad un memorandum che prometterebbe Mari e Monti  di danari da investire in infrastrutture e Sviluppo, in cambio di un raddoppio delle estrazioni… e noi, magari, dovremmo berci pure questa, no?

Comunità Lucana ha già fatto la sua proposta di modifica dell’art. 45 della legge  n° 99/2009 che si può andare a rileggere qui. Perché, magari, pensiamo che sia una cosa ben più utile per l’intera economia della regione che i danari entrino nel circolo economico attraverso prodotti locali, piuttosto che di nuovo nelle casse delle compagnie petrolifere; in altri termini, la nostra proposta avrebbe la capacità di far muovere la stagnante economia di questa regione, anche se, magari, non sarebbe la soluzione di tutti i mali.

Quanto ai soldi che dovrebbero compensare il raddoppio delle estrazioni… perché dovremmo credere che non verranno utilizzati, al solito, per favorire comparizie e clientele come è stato finora (ed in maniera perfettamente trasversale)? Il ritorno della “Card” non cambierà di una virgola i problemi di una regione sempre più in ginocchio!!!


21 ottobre 2012

POLITICA SE VOGLIAMO SALVARE LA NOSTRA REGIONE...

Questa storia dell’abolizione della Provincia di Matera, con le conseguenze che ha provocato e sulle quali non ho intenzione di soffermarmi, ha degli aspetti, diciamo così, “minori” che meritano delle valutazioni. Fermo restando il fatto che, a quanto pare, la Provincia unica di Basilicata sembra avviata verso il destino che già era stato scritto dal Governo, a meno di sorprese venute fuori dai due consigli Comunali di Potenza e Matera, all’uopo convocati per domani, mi preme sottolineare come certe vecchie abitudini siano dure a morire. Per esempio: gruppi di potentini col coltello tra i denti  a battersi perché la Provincia rimanga a Potenza. Gruppi di materani che, forse rassegnati al risultato paventato, mettono su un comitato per l’annessione di Matera alla Puglia… antico campanilismo becero, di bassissima lega!!!! Alimentato ad arte, a mio avviso, dalla classe politica dell’una e dell’altra provincia in nome di quel “Divide et Impera” di Romana memoria che assicurava, grazie alle divisioni ad hoc provocate, lunga vita al dominatore. E mi viene da sorridere quando, magari, penso a comuni come Gravina di Puglia (o, ma magari sono male informato, Altamura) che anelerebbero a svincolarsi dalla Puglia per entrare in Basilicata… sorridere perché, ancora una volta, mi domando: quale vantaggio per Matera, il suo ingresso in Puglia? Cosa, a parte una facilità di collegamenti, avvantaggerebbe la Città dei Sassi rispetto allo status quo? Sono certo che si tratta di una minoranza, magari cospicua, ma minoranza di cittadini materani che pensano che il passaggio alla vicina Puglia possa essere un vantaggio per la città. E, sono altrettanto certo, una minoranza, cospicua pure questa, di potentini sarebbe anche contenta di un’operazione del genere. Ma sarebbe proprio ciò che la nostra classe dirigente potrebbe utilizzare a proprio vantaggio, una situazione siffatta!!! In un momento difficile, come quello del sito di stoccaggio delle scorie nucleari, Materanità e Potentinità non comparvero: per la prima volta assistemmo ad una presa di coscienza collettiva di quelle che non lasciano margini di dubbio: 100.000 persone marciarono “contro”, senza nessuna bandiera di appartenenza se non quella Lucana. Tanto da costringere a saltare sul carro anche quei politici che erano stati gli artefici di quella scelta scellerata. Ebbene: quella volta, materani e potentini furono solo ed esclusivamente LUCANI!!! Le divisioni non si videro!!! Oggi ritornano! Perché? Cosa c’è, per questa nostra regione, nell’agenda del Governo Monti (soprattutto del suo Ministro Corrado Passera)? A chi giova questa divisione? Domande che dovremmo porci come cittadini lucani, prima ancora che come cittadini di Potenza o di Matera. O cittadini della Provincia di Matera o di Potenza!!!!
Io non ci sto!!! Tutto ciò che verrà programmato altrove per la morte di questa regione che amo, mi vedrà Contro, con tutti i mezzi leciti della democrazia. Non ho intenzione di rinunciare a lottare per questa terra, per Matera e per Potenza, per il Vulture-melfese come per il Lagonegrese. Dal più piccolo paese alla più grande delle città, questa regione non merita di essere trattata in questo modo da questo e da nessun altro governo. Per questo, ritengo che la strada giusta sia quella di unire tutte le forze migliori delle due province e fare fronte unico contro lo smembramento di questa regione da parte dei governi nazionali, locali e per contrastare le brame e gli  appetiti di multinazionali e comitati d’affari. Perché questa regione può ancora essere salvata… ma da noi cittadini lucani che amiamo questa terra!!! Non da altri!!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. provincia potenza matera regione basilicata

permalink | inviato da Nathan 2000 il 21/10/2012 alle 22:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     luglio        dicembre
 

 rubriche

Diario
opinioni politiche
Cultura
Divagazioni sportive
questioni etiche
elezioni
Giustizia e legalità
Città di Potenza
divagazioni economico-finanziarie
Diritti Vari
Potere
Energia
ambiente
Da Facebook
Comunità
Le perle di Nathan
versi

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ANNA FUBINI (aiuto infanzia)
ANTONIO DI PIETRO
ANTONIO PANNULLO
ARCOIRIS TV
BASILICATANET
BENNY CALASANZIO
BEPPE GRILLO
CARLO LUCARELLI
CARLO VULPIO
COME DON CHISCIOTTE
CORRIERE DELLA SERA
DISINFORMAZIONE
ECODIXIT
EDIZIONI BONELLI
ESPRESSO-REPUBBLICA
FABIO PISELLI
FERRUCCIO PINOTTI
GIANNI MINA'
GIOACCHINO GENCHI
GIULIETTO CHIESA
IL CONSIGLIO (dell'Abate Vella)
IL QUOTIDIANO
MASSIMO FINI
MEGACHIP
NEXUS ITALIA
OLIVIERO BEHA
PAOLO FRANCESCHETTI
REGISTRO PERSONALE
REPUBBLICA
SALVATORE BORSELLINO
S@SSI E-MIGRANTI
SCIENZA MARCIA
SIGNORAGGIO.COM
SONIA ALFANO
VOGLIO SCENDERE
WATTY

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom