.
Annunci online

  Nathan2000

"Da quando le persone corrotte si uniscono fra loro per costituire una forza, poi le persone oneste devono fare lo stesso". (Lev Nicolaevic Tolstoj)

 
Diario di bordo di chi spera di ritrovare la strada di casa
 


Indicazioni ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62.Il contenuto di questo blog non va considerato alla stregua di una testata giornalistica nè un prodotto editoriale e il suo curatore declina ogni responsabilità di qualsivoglia natura. Le notizie riportate provengono da altri siti sparsi per la rete, e dai normali organi d'informazione, (finanche da quelli mediaset). I testi vengono redatti da soggetto evidentemente incapace di intendere e di volere, prova ne sia il fatto che ha ostinatamente votato per il centro-sinistra (ma è meglio definirlo meno-destra). Il blog è attivo dal 17 gennaio 2008 (praticamente è iniziato con il carnevale e come scherzo vuole continuare ad esistere), non ha periodicità regolare ed è aggiornato secondo gli umori del suo curatore, la pazienza di sua moglie, la vitalità da pila alcalina di sua figlia e la gradazione alcolica delle bevande ingurgitate (avete notato che non ho accennato minimamente al lavoro? Beh, sono un impiegato pubblico che, per definizione, è un fannullone... quindi, il lavoro non mi riguarda; Viva Brunetta!!!). Va da sé che le responsabilità per i commenti sono di chi li inserisce. Si avverte che verranno cancellati, senza pietà alcuna, tutti quei commenti ritenuti offensivi per le persone. Verranno inoltre cancellate bestemmie, parole oscene, o che fanno riferimento alla pratica sessuale. Non saranno tollerati riferimenti espliciti o velati alla discriminazione di qualsivoglia natura (sessuale, razziale, politica, religiosa ecc.) Per concludere, le foto riportate nei post sono, per lo più, provenienti da internet (indicandone la provenienza). Qualora gli autori non autorizzassero la pubblicazione, possono comunicare tale intenzione e l'autore del blog provvederà a rimuovere le immagini come da richiesta. Buona lettura a tutti.

I BLOG CHE SEGUO

(Che siano lucani o di altre parti del mondo, sono quelli che preferisco)

ALICESTAFUORI

AMBIENTE BASILICATA (OLA)

anami

 animafragile

ANNA RUSSELLI

ARTARIE
ASTRONIK
betazedgirl

CAFFÈ SCORRETTO
COMITATO NO OIL POTENZA

DIARIO ESTEMPORANEO
elepuntallaluna

GARBO
gogobub

GOTHAMPOTENZA
jericho

IL CAF
IO TOCCO
I 400 COLPI (LU)
KALISPERA

LADYMARICA

lafatamab

LEONARDO
LUCKYSTAR

MANU  

MARATONETAGIO
MARIAPINA CIANCIO
MARTENOT-NEON

MAURIZIO BOLOGNETTI
NOICITTADINILUCANI
NONHOANCORADECISO

 OCCHIODELCICLONE

PAOLETTA82

PAOLO BORRELLO
PIETRO DOMMARCO
PINO SURIANO

ROSASPINA

SAXER

SAXERBLOG

SBLOGGATA
SERGIO RAGONE
SETTECINQUE   

sheisnotme

svegliaitalia


5 giugno 2015

POLITICA RIANIMIAMO QUESTO PAESE.

"Una delle punizioni che ti spettano per non aver partecipato alla politica è di essere governato da esseri inferiori." Platone aveva sintetizzato, con questa frase, il problema principale del mondo. E questa frase di Platone io la voglio “scagliare”, sbattere in faccia  a coloro che non partecipano alla politica e non per attaccare quelli che non partecipano alle elezioni! Partecipazione e democrazia nulla hanno a che fare con l’avere tra le mani una matita e una scheda elettorale. Perché la situazione del nostro paese (ma anche del resto del mondo, sia chiaro), è un'assenza di partecipazione all'attività politica, prima che un'assenza dalle urne. Tra chi non partecipa attivamente alla vita politica (anche con la presenza in un semplice comitato di quartiere) e chi non partecipa alle elezioni, preferisco spezzare una lancia a favore della seconda categoria. Ma la seconda categoria, badate bene, deriva direttamente dalla prima!!! I gruppi di potere (economico, politico e via di questo passo) hanno costruito una società portata all’appiattimento su un semplice concetto: La politica è un affare sporco! Prova ne sia il fatto che in tanti possono obiettare alle mie considerazioni precedenti, con un semplice: “Non appena entri nel giro dell’attività politica, subito vieni inquinato dal malcostume che domina nell’agone politico”. Potrebbe essere vero, tutto ciò… ma basta pochissimo per demolire anche questo labile teorema. Partiamo da un periodo relativamente lontano nel tempo: il periodo in cui si decise che le sezioni di Partito dovessero venire trasformate in “Circoli”. I circoli sono luoghi-non luoghi, a mio avviso. Sono deputati ad essere spazi “non occupati”, perché il “circolare” delle persone all’interno diventa una cosa liquida… per non dire gassosa. In tempi relativamente lontani, le sezioni di Partito erano luoghi nei quali l’appartenenza ad una “parte” del paese era sentita in maniera profonda. Il solo entrare in quei luoghi ti faceva sentire parte integrante del Paese, perché sapevi che la tua partecipazione, in qualche modo, serviva a portare avanti istanze generali, progetti tendenti al bene collettivo più che interessi di pochi. Certo, c’era chi, attraverso l’attività all’interno del Partito, era più interessato a perseguire interessi personali o di gruppi ristretti di persone… ma sfuggire al controllo di centinaia di iscritti e attivisti-partecipanti alla vita del Partito non era facile come, invece, sembra diventato da qualche lustro.

Insomma, il modo per non rischiare di venire inquinati dal malcostume politico, a rifletterci bene, rimane ancora quello di avere strutture di Partito nelle cui sezioni locali (ce n’erano finanche nei paesini più sperduti del paese) vi sia la partecipazione di grandi numeri di cittadini, portatori di istanze particolari che, una volta entrate nella dialettica politica, diventino istanze collettive e progetto di una società orientata alla crescita del Paese in tutti i sensi. Con queste considerazioni non sto facendo alcun tipo di propaganda per un partito o per un altro. Sto solamente dicendo che se le sezioni di partito rimanessero presidiate da gente che controlla coloro che siedono nei posti di rilievo, allora qualche speranza che "l'inquinamento" possa evitarsi c'è. Ma noi siamo stati abituati, fin da piccoli, che la nostra coscienza sarebbe stata "a posto" con una croce fatta con una matita su una scheda elettorale. E questo ci ha allontanati, poco alla volta, dalla partecipazione “ATTIVA” alla vita politica. Le sezioni di Partito, scomode per gli interessi dei comitati d’affari che, nella presenza dei cittadini alla vita politica vedevano un impedimento, ci ha portati, giorno dopo giorno, a quella liquidità della partecipazione che ha inventato, ad un certo punto, i “Circoli”… che proprio per questo aspetto di disimpegno da parte della gente, hanno consentito ai portatori di interessi particolari, personali o oligarchici, all’inquinamento quasi irrimediabile dei costumi politici.

Tutto è diventato “soluzione calata dall’alto” (non ultima quella delle candidature, imposte da una ristretta cerchia di maggiorenti dei Partiti politici che, in quanto portatori di istanze personali o di comitati d’affari, non proponevano più persone di chiara preparazione culturale e politica, ma solo degli “Yes-men” che dovevano farsi esecutori materiali di progetti che poco avevano a che fare col bene comune. Ovvio che, da un ventennio a questa parte, ci siamo ritrovati nelle stanze dei bottoni soltanto persone che, dietro lauti compensi che non venivano “osteggiati” da nessuno, si ritrovavano ad eseguire ordini precisi di ristrette cerchie di gruppi di potere economico-finanziario che li avevano piazzati in quei posti proprio con questo scopo.

Cosa pensate che sia questa storia di Jovanotti e del "lavorare gratis" che è sotto i riflettori in questi giorni? Tutti a pontificare e sentenziare su qualcosa che avrebbe detto il noto intellettuale Jovanotti.... e la cosa mi fa sorridere. Perché, a ben pensarci, visti i compensi di una cospicua parte di persone, in questo paese, direi che, fatti due conti, il mio stipendio potrebbe essere equiparato ad un lavorare gratis... cittadini che non hanno più prospettive o margini di sogno e progettazione perché la politica si è fatta promotrice di istanze che non riguardano più i summenzionati cittadini, ma solo interessi particolari dei gruppi economico-finanziari ai quali, non è un segreto per nessuno, la possibilità che i cittadini possano vivere in maniera dignitosa la propria esistenza diventa un fastidio.

Ora, che Lorenzo Cherubini, detto Jovanotti, esprima le sue opinioni mi pare che possa essere una cosa legittima. Quelli che prendono le sue difese o scagliano le proprie accuse al cantante, invece, mi danno l’impressione di blaterare soltanto (siano essi personaggi di una qualche fama o semplici cittadini sconosciuti). E, soprattutto, blaterano sulla scorta di ideologie che, secondo i più, sarebbero morte (ma che, a mio avviso, sono più vive che mai)... appoggiandosi a dei cadaveri e facendoli ritornare in vita... ma un  ritorno in vita peggiorativo rispetto a ciò che queste ideologie erano prima della presunta dipartita.

E non distante dalla ricorrenza dell’anniversario della Repubblica Italiana, quando si mandò via la dinastia cialtrona dei Savoia, oggi ci vorrebbe un moto di orgoglio dei cittadini Italiani per liberare l'Italia dalla generazione cialtrona degli attuali politici.

Ultima riflessione: la tornata elettorale che ha visto il trionfo dell’astensionismo, mi stimola la seguente domanda: qual è, secondo quelli che parlano e scrivono bene, questa famosa "opinione pubblica"? Quella che è andata a votare o quella che non è andata a votare? Ecco! Ciò che non si riesce a comprendere (secondo il mio immodesto parere) è il fatto che ci hanno riempito la testa col concetto di “opinione pubblica” (roba che va comodamente bene ai comitati d’affari che prosperano in questo paese come nel resto del mondo) e ci hanno fatto perdere di vista un concetto che, invece, è diametralmente opposto: quello di “Coscienza collettiva”… che può essere realizzata solo se, quanto prima, si ritornerà a diventare cittadini attivi nella politica. Magari riaprendo le sezioni di partito e ritagliandosi, ognuno di noi, uno spazio quotidiano da dedicare anche al Paese. Cosa che, apparentemente, sta provando a fare il Movimento 5 stelle… dico apparentemente perché, a ben guardare, partecipare “on line”, non mi pare cosa differente dai summenzionati “circoli”. Insomma, c’è da ricostruire un Paese come fosse reduce da una guerra… e per farlo bisognerebbe che la maggioranza dei cittadini cominciassero a riaffollare i partiti... perché starci dentro, anche se sono ridotti a cloache maleodoranti, servirebbe a non lasciare grossi margini di manovra agli affaristi che, invece, prosperano proprio per l'assenza di attivismo all'interno dei partiti. La partecipazione è questa, non una scheda e una matita, secondo me. Questo era il messaggio di Gaber, secondo il mio personale punto di vista: partecipazione come persone attive, che si muovono in prima persona all'interno delle strutture che, poi, devono esprimere classe dirigente del paese.

Concludendo: vogliamo resuscitare la democrazia (intesa come partecipazione, alla Gaber, per intenderci)? Chiudiamo i circoli e gli account internet e riapriamo le sezioni. Qualunque sia il partito, bisogna consentire alla gente di partecipare alla sua vita. Altrimenti, Democrazia rimarrà solo uno dei vocaboli contenuti nello Zingarelli o Devoto-Oli o Treccani e via di questo passo. E le urne diventeranno sempre più vuote. Prima che sia troppo tardi, rianimiamo questo Paese.


20 gennaio 2009

POLITICA UN'ALTRA CITTA' E' POSSIBILE.

Un’altra Città è possibile. Gruppi, movimenti, associazioni e cittadini della società civile presenti sul territorio si sono incontrati sabato 17 gennaio scorso al Cine-teatro “Don Bosco” di Potenza (la mia Città) per una discussione dal titolo accattivante. Ne parlo soltanto oggi perché avevo voglia di digerire, metabolizzare le riflessioni, le proposte e gli spunti di discussione venuti fuori in quella bella serata. Il punto di partenza del mio post è una bella frase di Don Marcello Cozzi (patron di Libera Basilicata): “Abitare la politica”. Ora, il sottoscritto, ha sempre pensato che Politica è qualcosa che nulla ha a che fare con partiti politici, potentati economico-affaristici e via discorrendo; e questa frase è stata una sorta di illuminazione! Ecco, questa bella frase è la stella da seguire per interrompere il circolo vizioso che per decenni ha inchiodato il cittadino di questa città al ruolo di suddito, consumatore (nel senso più deleterio del termine; e qualcuno sa quanto io detesti questo termine anche nella sua accezione… meno negativa) e, nel migliore dei casi, elettore. Abitare la politica è far sì che i cittadini non siano più costretti a subire, per la loro città, decisioni piovute dall’alto, senza consultare comitati, associazioni, gruppi, movimenti e, non ultimi, i cittadini.
L’incontro ha avuto inizio con la proiezione di un reportage fotografico sulle “brutture” della nostra città, in cui erano evidenziate, impietosamente, situazioni di cementificazione selvaggia, totale assenza di cura per il pubblico (dal verde all’arredo urbano), esempi di inciviltà quali rifiuti buttati un po’ dovunque e parcheggio selvaggio, antenne per telecomunicazione ubicate in prossimità di zone densamente abitate e senza alcuna pianificazione. Al termine della proiezione, ha avuto inizio la trattazione del tema della serata: oltre un trentennio di pessima amministrazione del bene comune! Che ha significato un imbarbarimento dal punto di vista urbanistico (con vantaggi esclusivi di pochi costruttori, come ha voluto sottolineare Gildo Claps, uno dei promotori della serata), dal punto di vista del verde pubblico (con rinnovate critiche al Regolamento Urbanistico di recente stesura), dal punto di vista della crescita del traffico automobilistico (a scapito di un serviziodi trasporto urbano che definire insufficiente è un atto di pietà), dal punto di vista della fruibilità per anziani e bambini di una città che non offre spazi adeguati a queste fasce di popolazione, dal punto di vista di un piano per i rifiuti che non decolla (con una raccolta differenziata che definire scarsissima non rende giustizia), dal punto di vista dell’utilizzo delle energie alternative.
Un chiaro atto d’accusa alle amministrazioni precedenti, ma con in più una voglia di sensibilizzare i cittadini ad assumersi le proprie responsabilità: sia chiaro, se gli amministratori che si sono succeduti negli anni alla guida della città hanno potuto fare ciò che è sotto gli occhi di tutti, è perché i cittadini si sono chiamati fuori dalla partecipazione alla vita politica della città… delegando ai partiti ciò che, poi, si è tradotto in un “Fate voi”. Ecco, l’incontro di sabato l’ho letto come tale: una voglia di non lasciare più deleghe in bianco a chicchessia. Una esigenza di riappropriarsi della città in maniera più partecipativa.
Gli organizzatori si sono subito affrettati a specificare che l’incontro non voleva essere un tentativo di presentare liste civiche o autonome dai partiti, ma chiedendo, al tempo stesso, un criterio più democratico nel formare le liste. Ma io mi domando: va bene tentare di portare avanti delle istanze per il bene comune; va benissimo anche provare a sedersi attorno ad un tavolo con i partiti e stimolarli a prendere in considerazione queste istanze. Ma Basta?

I partiti politici hanno fatto, in questi ultimi anni, il bello e il cattivo tempo passando sopra, con disinvoltura sconcertante, a tutto ciò che poteva essere “bene comune”. E, siccome mi ha colpito molto un momento dell’intervento dell’Arch. Maroscia, quando, parlando del potere e della forza che, ormai, hanno i partiti, ripiegati solo su loro stessi, lontani dal contatto col cittadino, sarebbe necessario operare in modo tale da indebolirli, metterli di fronte alle loro responsabilità perché possano fare un’analisi piena dei propri errori. E quale modo migliore, per indebolire lo strapotere dei partiti, di una lista civica che eroda i consensi e sia in grado di ridimensionare la forza dei partiti? Allora, questa voglia di non delegare più, questa voglia di partecipare attivamente alle decisioni che riguardano la città, direi, dovrebbe stimolare a investire su un progetto, un programma a favore del bene comune che sarebbe materia di confronto con i partiti. Perché, parliamoci chiaro: i partiti non credo siano molto propensi ad uscire dalle segreterie e confrontarsi con chicchessia per la formazione delle liste. Io credo molto di più ad una lista civica che peschi nella società civile candidature di qualità, che abbia un progetto serio per la città. Una lista civica che nasca democraticamente per le strade… non all’interno di una segreteria di partito.


sfoglia     aprile        novembre
 

 rubriche

Diario
opinioni politiche
Cultura
Divagazioni sportive
questioni etiche
elezioni
Giustizia e legalità
Città di Potenza
divagazioni economico-finanziarie
Diritti Vari
Potere
Energia
ambiente
Da Facebook
Comunità
Le perle di Nathan
versi

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ANNA FUBINI (aiuto infanzia)
ANTONIO DI PIETRO
ANTONIO PANNULLO
ARCOIRIS TV
BASILICATANET
BENNY CALASANZIO
BEPPE GRILLO
CARLO LUCARELLI
CARLO VULPIO
COME DON CHISCIOTTE
CORRIERE DELLA SERA
DISINFORMAZIONE
ECODIXIT
EDIZIONI BONELLI
ESPRESSO-REPUBBLICA
FABIO PISELLI
FERRUCCIO PINOTTI
GIANNI MINA'
GIOACCHINO GENCHI
GIULIETTO CHIESA
IL CONSIGLIO (dell'Abate Vella)
IL QUOTIDIANO
MASSIMO FINI
MEGACHIP
NEXUS ITALIA
OLIVIERO BEHA
PAOLO FRANCESCHETTI
REGISTRO PERSONALE
REPUBBLICA
SALVATORE BORSELLINO
S@SSI E-MIGRANTI
SCIENZA MARCIA
SIGNORAGGIO.COM
SONIA ALFANO
VOGLIO SCENDERE
WATTY

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom