.
Annunci online

  Nathan2000

"Da quando le persone corrotte si uniscono fra loro per costituire una forza, poi le persone oneste devono fare lo stesso". (Lev Nicolaevic Tolstoj)

 
Diario di bordo di chi spera di ritrovare la strada di casa
 


Indicazioni ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62.Il contenuto di questo blog non va considerato alla stregua di una testata giornalistica nè un prodotto editoriale e il suo curatore declina ogni responsabilità di qualsivoglia natura. Le notizie riportate provengono da altri siti sparsi per la rete, e dai normali organi d'informazione, (finanche da quelli mediaset). I testi vengono redatti da soggetto evidentemente incapace di intendere e di volere, prova ne sia il fatto che ha ostinatamente votato per il centro-sinistra (ma è meglio definirlo meno-destra). Il blog è attivo dal 17 gennaio 2008 (praticamente è iniziato con il carnevale e come scherzo vuole continuare ad esistere), non ha periodicità regolare ed è aggiornato secondo gli umori del suo curatore, la pazienza di sua moglie, la vitalità da pila alcalina di sua figlia e la gradazione alcolica delle bevande ingurgitate (avete notato che non ho accennato minimamente al lavoro? Beh, sono un impiegato pubblico che, per definizione, è un fannullone... quindi, il lavoro non mi riguarda; Viva Brunetta!!!). Va da sé che le responsabilità per i commenti sono di chi li inserisce. Si avverte che verranno cancellati, senza pietà alcuna, tutti quei commenti ritenuti offensivi per le persone. Verranno inoltre cancellate bestemmie, parole oscene, o che fanno riferimento alla pratica sessuale. Non saranno tollerati riferimenti espliciti o velati alla discriminazione di qualsivoglia natura (sessuale, razziale, politica, religiosa ecc.) Per concludere, le foto riportate nei post sono, per lo più, provenienti da internet (indicandone la provenienza). Qualora gli autori non autorizzassero la pubblicazione, possono comunicare tale intenzione e l'autore del blog provvederà a rimuovere le immagini come da richiesta. Buona lettura a tutti.

I BLOG CHE SEGUO

(Che siano lucani o di altre parti del mondo, sono quelli che preferisco)

ALICESTAFUORI

AMBIENTE BASILICATA (OLA)

anami

 animafragile

ANNA RUSSELLI

ARTARIE
ASTRONIK
betazedgirl

CAFFÈ SCORRETTO
COMITATO NO OIL POTENZA

DIARIO ESTEMPORANEO
elepuntallaluna

GARBO
gogobub

GOTHAMPOTENZA
jericho

IL CAF
IO TOCCO
I 400 COLPI (LU)
KALISPERA

LADYMARICA

lafatamab

LEONARDO
LUCKYSTAR

MANU  

MARATONETAGIO
MARIAPINA CIANCIO
MARTENOT-NEON

MAURIZIO BOLOGNETTI
NOICITTADINILUCANI
NONHOANCORADECISO

 OCCHIODELCICLONE

PAOLETTA82

PAOLO BORRELLO
PIETRO DOMMARCO
PINO SURIANO

ROSASPINA

SAXER

SAXERBLOG

SBLOGGATA
SERGIO RAGONE
SETTECINQUE   

sheisnotme

svegliaitalia


19 marzo 2013

sentimenti RACCONTI DI AMICI.

Saverio viveva in un paesino sperduto dell'appennino meridionale (chi mi ha raccontato questa storia, non ha voluto dirmi quale). Ed era un ragazzone affetto dalla sindrome di Down. La sua vita si svolgeva tra casa e campi... nel senso che suo padre, un uomo che dimostrava il doppio della sua età... forse per il duro lavoro di contadino e, soprattutto, per la sofferenza di quel figlio che era diverso da tutti i ragazzi normali... suo padre, dicevo, aveva un piccolo fondo, fuori dal paesino, e tutti i giorni, tranne le domeniche... che sono i giorni da dedicare al "Signore", vi si recava, al mattino presto, in compagnia di quel suo figliolo "sfortunato", per occuparsi di un orticello, qualche gallina, un po' di conigli, delle pecore ed una piccola vigna. E Saverio, il ragazzone down, con quei tratti orientaleggianti, con una "coppola" ben schiacciata sul capo, una camicia di flanella pesante, una giacca di panno spesso, dei pantaloni di fustagno e un paio di stivali... felice, col sorriso sulle labbra, si recava con suo padre nel fondo. Sempre in compagnia della sua Asina (Peppinella, la chiamava), alla quale non faceva mai mancare una carezza!!! Rincasavano quando cominciava a fare buio, e suo padre non perdeva d'occhio quel suo figlio!!! E lo guardava con occhi che solo un padre può avere: occhi d'amore. Aveva un'aria burbera, il padre.... ma solo l'aria. Perché quando si fermava in piazza, ad intrattenersi con i suoi compaesani, si notava un modo gentile di porsi agli altri... forse perché la sofferenza per quel figlio bisognoso di essere seguito attimo per attimo, aveva smussato gli aspetti più duri del suo carattere. O, forse... perché per stare dietro un ragazzo non normale, ti costringe a tirare fuori la parte migliore di te... Saverio aveva sempre un sorriso stampato sul viso!!! Nonostante i ragazzi avessero una sorta di timore di lui!!! Timore che derivava dal fatto che, in tanti, per intimorire i propri figli troppo vivaci, avevano l'abitudine di dire: "Stai attento!!! Comportati bene, altrimenti chiamo Saverio e ti faccio mangiare!!!!". Ma Saverio non sapeva di avere questa "fama". Lui sorrideva a tutti e non riusciva a spiegarsi perché, quando tentava di avvicinarsi ad un bimbo o ad un ragazzo, costui si allontanasse con un'espressione timorosa sul volto. Poi, un giorno, Saverio partì. E nessuno ebbe più notizia di lui... ma nei ragazzi del paese, era rimasto dentro quel timore che, da un momento all'altro, potesse tornare per mangiarsi i più maleducati. Mentre per quel padre, c'era la gara a cercare di rendersi utili, dargli una mano d'aiuto (anche non richiesta), quasi a voler dare un sollievo ad un uomo che soffriva tanto per un figlio diverso dagli altri... e per una moglie che era morta troppo presto, lasciandoli soli.

Mi è venuta in mente questa storia, raccontatami da un amico... non so se mi abbia detto il vero nome del Ragazzo Down. E non ha voluto dirmi quale fosse il paese in cui abitava Saverio. Ma questa storia mi ha sempre fatto pensare al fatto che, per quanto le comunità siano caratterizzate da un sistema di solidarietà e di mutuo soccorso (perché si ha un senso di appartenenza tale da pensare che i problemi del singolo siano i problemi di tutti)... esiste una specie di rovescio della medaglia: per esorcizzare il più possibile una qualsivoglia disgrazia, c'è la necessità di "scagliarsi" in maniera cruda (anzi, crudele), verso colui che è diverso.

Mi fermo qui... e non so neppure perché io abbia voluto mettere nero su bianco queste mie considerazioni.




permalink | inviato da Nathan 2000 il 19/3/2013 alle 21:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio        aprile
 

 rubriche

Diario
opinioni politiche
Cultura
Divagazioni sportive
questioni etiche
elezioni
Giustizia e legalità
Città di Potenza
divagazioni economico-finanziarie
Diritti Vari
Potere
Energia
ambiente
Da Facebook
Comunità
Le perle di Nathan
versi

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ANNA FUBINI (aiuto infanzia)
ANTONIO DI PIETRO
ANTONIO PANNULLO
ARCOIRIS TV
BASILICATANET
BENNY CALASANZIO
BEPPE GRILLO
CARLO LUCARELLI
CARLO VULPIO
COME DON CHISCIOTTE
CORRIERE DELLA SERA
DISINFORMAZIONE
ECODIXIT
EDIZIONI BONELLI
ESPRESSO-REPUBBLICA
FABIO PISELLI
FERRUCCIO PINOTTI
GIANNI MINA'
GIOACCHINO GENCHI
GIULIETTO CHIESA
IL CONSIGLIO (dell'Abate Vella)
IL QUOTIDIANO
MASSIMO FINI
MEGACHIP
NEXUS ITALIA
OLIVIERO BEHA
PAOLO FRANCESCHETTI
REGISTRO PERSONALE
REPUBBLICA
SALVATORE BORSELLINO
S@SSI E-MIGRANTI
SCIENZA MARCIA
SIGNORAGGIO.COM
SONIA ALFANO
VOGLIO SCENDERE
WATTY

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom